oggetti visivi calmi, onesti

verità in grado di respirare

comunicando in semplicità

Servizi


Grafica
Branding

Poster
Cataloghi
Libri

Illustrazioni
Fotografia

UI/UX
Sviluppo web

Filosofia


I nostri occhi si sono abituati al caos visivo contemporaneo, che non accenna ad arginarsi. Siamo sommersi da oggetti obesi e colorati, spazzatura senza alcun valore, tanto da esserci dimenticati della purezza del bianco.

Eppure siamo noi stessi responsabili di ogni singolo oggetto che produciamo. Dalla progettazione alla realizzazione abbiamo il dovere morale di costruire qualcosa che invece di inquinare sia in grado di migliorare la vita delle persone.

Dal prodotto digitale al brand il nostro è un accurato lavoro di traduzione: ci assicuriamo che il vero senso originale venga comunicato nel modo più semplice, calmo e corretto possibile al vostro pubblico.

Alberto
Arlandi

Classe 1993, Alberto inizia già alla fine del liceo a curare identità e siti web per piccole realtà torinesi. Entra all'Istituto di Arte Applicata e Design con una borsa di studio al merito, proseguendo parallelamente l'attività di freelance.

L'incontro con altri designer a Milano nell'autunno 2014 segna un punto di svolta, introducendolo a uno studio più approfondito dei maestri della grafica e dell'architettura, da cui nascerà una ricerca concettuale e formale di spiccata matrice moderna.

In occasione dello stage universitario presso Munari Design a Piacenza, partecipa alla creazione dell'Archivio della Grafica Italiana. La griglia modulare ultimata nel 2015 per lo stesso progetto, denominata Uniweb, è uno dei lavori esposti alla XXI Triennale di Milano all'interno della mostra New Craft.

Laureato nel 2016, dopo un progetto di tesi con il Museo d'Arte Orientale di Torino, inizia proficue e frequenti collaborazioni con gli studi Systems (Londra), Rationale (Seattle), Libre (Torino) e Munari (Piacenza) oltre a curare progetti culturali locali. Le stesse collaborazioni lo vedono oggi impegnato su importanti progetti fra cui spicca la Fondazione Luigi Ghirri.

Nel gennaio 2017 esce il primo numero di Gute Process, il magazine online di critica del graphic design fondato con Michael Klein, a cui Alberto contribuisce come editore esecutivo.